Maschera viso al caolino: la mia esperienza

Dopo aver parlato dei benefici e delle proprietà del neem, è il momento di introdurre la maschera viso al caolino (o argilla bianca), che può rivelarsi un valido aiuto per chi ha settimanalmente bisogno di purificare più in profondità la pelle del viso.

dsc_8695

Il caolino, comunemente conosciuto come argilla bianca, è un minerale naturale costituito in buona parte da ossido di silicio (49-51%)  e ossido di alluminio (34-36%). Ha proprietà assorbenti, decongestionanti e purificanti. E’, comunemente, consigliato a chi ha una pelle secca, delicata e più predisposta ad arrossamenti. Diversamente dall’argilla verde è più delicata e svolge, inoltre, un’azione lenitiva e rimineralizzante.

La mia esperienza con la maschera viso al caolino

Ho acquistato l’argilla bianca della Saponaria (100 gr per un costo di circa 2/3 euro). In passato mi ero trovata molto bene con la loro argilla verde, ma, avendo letto che il caolino era consigliato perché più delicato sulla pelle del viso, ho deciso di optare per la bianca (anche per provare qualcosa di nuovo).

Dopo una lunga serie di esperimenti posso darvi qualche valido suggerimento.

Innanzitutto, trovo non sia particolarmente delicata. Se lasciata in posa qualche minuto in più, potrete ritrovarvi con la faccia rossa (a me è capitato diverse volte). Naturalmente, è solo una questione di pochi minuti e il rossore svanisce. Nulla di permanente!

Di norma una maschera a base di argilla (o polveri di altra natura) va tenuta in posa quanto basta a non far asciugare completamente “la pappetta” sulla vostra pelle.

rituale-di-cura-per-la-zona-t-viso

Tips

Quando utilizzate il solo caolino per realizzare la vostra maschera, rimuovete il tutto qualche minuto prima, senza lasciarla asciugare o limitatevi ad applicarla solo sulle zone più problematiche del viso (naso, mento e fronte). Non siate modesti con le dosi. Ho notato che applicando una maggior quantità di maschera, il caolino tende a seccare più lentamente e avrete la possibilità di lasciarlo in posa per più tempo.

Le argille della saponaria hanno una consistenza particolare e occorre poca acqua per creare una maschera vellutata. Sono polveri sottili e non avrete il problema della formazione di grumi.

dsc_8750

Tips

Consiglio, dunque, di prendere prima due/tre cucchiai di argilla e versarli in un recipiente e, poi, di aggiungere progressivamente l’acqua (non il contrario). Cercate di realizzare una maschera che sia più liquida che densa. Aggiungete qualche goccia in più di olio e sostituite al gel di aloe un cucchiaino di miele.

Quando, per sbaglio, aggiungo troppa acqua e la maschera appare troppo liquida, rimedio inserendo anche un cucchiaino di ghassoul.

Poche e piccole attenzioni per una maschera viso da sogno!